Scuola

Il Liceo musicale Russo in Romania

Per il progetto biennale Erasmus + “Music - Music Unites Students and Inspires Change”

Attualità
Monopoli sabato 13 gennaio 2018
di La Redazione
Il Liceo musicale Russo in Romania
Il Liceo musicale Russo in Romania © n.c.

I progetti Erasmus non sono solo percorsi di conoscenza e confronto tra paesi diversi, ma anche occasioni di crescita incredibili perché dall’incontro tra docenti e studenti, dall’apertura verso realtà diverse dalla propria nascono relazioni umane e esperienze di vita difficili da dimenticare. Dopo le tappe della Turchia, Polonia e Lituania, dall’8 al 15 dicembre una delegazione del Liceo musicale - Istituto Luigi Russo di Monopoli, costituita da alunni, docenti e dal dirigente scolastico, Raffaele Buonsante, ha fatto scalo in Romania, per il progetto biennale Erasmus + “Music - Music Unites Students and Inspires Change”.

Le delegazioni dei quattro paesi ospiti: Turchia (scuola coordinatrice), Italia, Lituania e Polonia sono state accolte a Gaesti dal Liceo Vladimir Streinu.

Tra le mete più belle che sono state visitate sicuramente il suggestivo castello di Bran, meglio conosciuto come il "Castello di Dracula", inserito in un paesaggio tipicamente montano. Tra i centri visitati, molto accoglienti anche perché immersi nella magia degli allestimenti natalizi: il centro storico della città di Brasov, la cittadella fortezza di Rasnov, museo storico e terra di confine nei sistemi di difesa della Transilvania, al confine con i Carpazi, con i suoi villaggi sottoposti a invasioni continue nel corso dei secoli, la città di Pitesti e Gaesti, città dove le delegazioni sono state ricevute dalle istituzioni locali nel Palazzo del Municipio.

Conoscere luoghi e monumenti simbolo della storia nazionale è uno degli obiettivi perseguiti con i progetti Erasmus. Tărgovište, per esempio, ha offerto la possibilità di visitare il Museo di Storia con un'esposizione dei reperti aurei ed argentei rinvenuti dal Neolitico al periodo di dominazione dell'Impero romano. Poco distante dal museo, sulla stessa via principale della città di Tărgovište, c’è il Palazzo Reale, importante testimonianza del periodo in cui la città è stata la capitale di questa terra oggi riunita nello stato nazionale romeno. La moderna capitale della Romania, Bucarest, è caratterizzata da un articolato sistema urbanistico con ampi vialoni a raggiera che ricordano i boulevard parigini, a tal punto da farle meritare l’appellativo di “Parigi dell’Est Europa”. A Bucarest gli studenti e i docenti hanno potuto visitare la città e i suoi monumenti più importanti, in particolare il Museo Nazionale George Enescu, situato nel Cantacuzino Palace, caratterizzato da una sontuosa entrata in stile Art Nouveau. Il museo è dedicato ad uno dei più celebri compositori del Novecento e al suo interno si esibisce l'orchestra nazionale.

Intenso il programma delle attività con momenti formativi e prove per il concerto finale che è stato realizzato il 13 dicembre in un cinema-teatro della città. Ciascuna delegazione ha presentato tre brani musicali relativi alle proprie tradizioni nazionali incentrati sulle tematiche natalizie. Il Liceo musicale Luigi Russo, unico liceo a indirizzo prettamente musicale, si è distinto per l'esecuzione dei brani eseguiti dal vivo e senza alcuna base preregistrata di supporto. Diversi sono stati gli incontri di monitoraggio e di organizzazione delle attività future, visto che le delegazioni si incontreranno nella prossima tappa italiana, a Monopoli, dal 17 al 24 marzo e in quella finale, in Turchia, dal 21 al 25 maggio.

Lascia il tuo commento
commenti