Martedì 10 luglio a Mola di Bari

Decameron, Panaro interpreta Boccaccio

L’attore e regista monopolitano rilegge ed interpreta magistralmente il capolavoro boccaccesco durante la rassegna “Teatro al Chiostro”

Spettacolo
Monopoli lunedì 09 luglio 2018
di La Redazione
L'attore e registra teatrale Paolo Panaro
L'attore e registra teatrale Paolo Panaro © n.c.

Paolo Panaro interpreta una selezione di novelle dal «Decameron» di Giovanni Boccaccio, martedì 10 luglio (ore 21), nel Chiostro di Santa Chiara, a Mola di Bari, per uno dei «racconti d’estate» della rassegna «Teatro al Chiostro» della Compagnia Diaghilev (biglietti 5 euro).

L’anno è il 1348. E a Firenze, la più ricca e potente città d’Europa, infuria la peste nera. Per sfuggire al morbo, sette donne e tre uomini si rifugiano in una villa lontano dalla città. Per distrarsi dai luttuosi eventi, ognuno di loro, per dieci giorni, racconterà una storia al giorno. Ed è grazie a questo “gioco narrativo” che oggi si possono leggere le cento novelle che il Boccaccio mise insieme, incorniciate nel libro di novelle per eccellenza, il «Decameron». Secondo l’attore e regista monopolitano Paolo Panaro la straordinaria macchina narrativa di questa raccolta scaturisce direttamente dallo spettacolare evento catastrofico della peste di Firenze. Come mai le novelle, i cui caratteri di compiutezza e armoniosità rivaleggiano con i più grandi capolavori, vengono pronunciate nello sconfortante panorama di una città dove tutto è ormai lamento e lutto, con la popolazione decimata dal morbo e migliaia di cadaveri insepolti per le strade? La ricerca parte, dunque, dalla necessità di dimostrare che, sempre e in ogni luogo, è proprio dal gigantesco dramma della morte che nascono i più significativi e importanti corpus narrativi del patrimonio letterario universale. Più è mostruoso il contesto che dà vita a tali opere, più esse esalteranno il piacere della vita e la necessità di contar storie.

Immerso nell’orrendo scenario della pestilenza, Boccaccio sceglie di raccontare ai sopravvissuti alcune piacevoli novelle nella lingua più nobile e raffinata. Sono passati quasi sette secoli dalla peste di Firenze e gli uomini contemporanei ormai ignorano quanto poco valesse la vita durante i giorni di quelle cicliche epidemie. Tuttavia il generoso gesto letterario di Boccaccio, mentre intorno si scatena l’apocalisse, è per noi tutti di esempio e monito: quell’atto dà garanzia che fino a quando qualcuno continuerà a ‘raccontare’ il mondo sarà salvo.

Lascia il tuo commento
commenti