Decalogo da spiaggia

Ecco alcuni consigli utili per i bagnanti che desiderano proteggere gli occhi ed evitare i tipici fastidi estivi quali: occhi rossi, abrasione corneale provocata dalla sabbia e infezioni oculari.

ALBERTO BRESCIA La salute dei tuoi occhi
Monopoli - sabato 01 agosto 2015
©

Chi va al mare deve seguire alcuni semplici consigli riassunti nel seguente decalogo:

1) Proteggere gli occhi con occhiali dotati di filtri a norma di legge soprattutto quando il sole è forte (tanto più se c’è riverbero sulla superficie del mare);
2) Non portare le lenti a contatto mentre si fa il bagno o quando si prende il sole (comunque è opportuno instillare lacrime artificiali per evitare la secchezza oculare). Tuttavia se non se ne può fare a meno è fondamentale levare buttare le lenti a contatto subito dopo aver fatto il bagno;
3) Se la sabbia entra negli occhi risciacquare abbondantemente con acqua corrente senza strofinarsi gli occhi. Se i sintomi persistono contattare un oculista o recarsi al pronto soccorso;
4) Indossare obbligatoriamente la maschera o gli occhialini se si soffre di irritazioni oculari;
5) Applicare con cura la crema solare ad elevata protezione attorno agli occhi. Se però cola negli occhi stessi bisogna risciacquarli abbondantemente con acqua dolce;
6) Bere abbondantemente non solo per evitare la disidratazione dell’intero organismo, ma anche per dare un corretto apporto idrico al corpo vitreo (il gel che riempie il bulbo oculare);
7) Seguire una dieta ricca di vitamine (contenute nella frutta e nella verdura) e di omega-3 (che si trovano soprattutto nel pesce). Così si protegge la zona centrale della retina, la macula, più sensibile e fondamentale per la visione centrale;
8) Non toccare gli occhi senza essersi lavati le mani;
9) Evitare l’esposizione al sole e non fare bagni in mare o in piscina in presenza di infezioni o d'infiammazioni oculari (come le congiuntiviti);
10) Se si assumono farmaci consultare il medico prima di esporsi al sole. Alcune medicine (in particolare certi antibiotici) possono provocare reazioni indesiderate alla luce del sole o rendere la cute più sensibile ai raggi solari.

Altri articoli
Gli articoli più letti