L’idea è di garantire un monitoraggio costante di quanto segnalato

Manisporche: sette segnalazioni per un servizio alla città

Il movimento ha raccolto le segnalazioni ricevute dai cittadini di Monopoli e le ha girate agli organi politici preposti

Attualità
Monopoli sabato 08 settembre 2018
di La Redazione
Sottopasso pedonale vicino all'ospedale
Sottopasso pedonale vicino all'ospedale © n.c.

Il movimento Manisporche ha intrapreso un servizio di raccolta di segnalazioni da parte dei cittadini da inviare direttamente agli organi amministrativi comunali.

Tutto ciò nasce dalla esigenza di dare voce e seguito ai problemi della città segnalati dai cittadini e monitorarne l’iter fino alla risoluzione.

I primi sette sono i seguenti:

Inadeguata presenza di appositi contenitori per il conferimento delle deiezioni canine

Negli ultimi mesi molti cittadini hanno segnalato lo stato di sporcizia e degrado in cui versano molte zone della città a causa dell'assenza o del numero inadeguato di appositi contenitori ove poter riporre le deiezioni canine. I cittadini riferiscono in particolare che, da quando è stata avviata la raccolta differenziata, i proprietari di cani che risiedono nelle zone della città dove il servizio di raccolta porta a porta è già attivo, e pertanto sono stati eliminati i cassonetti stradali, si trovano in una situazione di enorme disagio in quanto sono costretti a fare lunghe scarpinate per raggiungere i contenitori di rifiuti indifferenziati posti nelle vie ove il servizio non è ancora stato avviato. Tale situazione, oltre a determinare il disagio dei cittadini virtuosi, che hanno a cuore il decoro e la pulizia della propria città, comporta altresì un altro effetto negativo, ovvero l’ulteriore deresponsabilizzazione di quelle persone, meno attente al rispetto dei doveri civici le quali, non avendo nell’immediata disponibilità gli appositi contenitori ove gettare i rifiuti organici, si sentono in qualche modo legittimate a lasciarli per strada o, peggio ancora, sui marciapiedi.

Condizioni fisiche e igieniche

L’unica fontana presente in piazza XX Settembre è in condizioni fisiche precarie. La stessa presenta efflorescenze vegetali e una permanente sporcizia. Inoltre, è frequentemente oggetto di un uso improprio, altamente inquinante da parte di cani, con e senza accompagnamento.

Palma malata in largo Simone Veneziani

Appare visibilmente malata una delle palme in largo Simone Veneziani. Se si trattasse di un ennesimo attacco del cosiddetto “punteruolo rosso”, il rischio di contagio per le piante vicine sarebbe molto alto. Si chiede intervento urgente.

Viscosità scala pubblica in via Mameli

I gradini della scala hanno perso ogni forma di “grip” (bocciardatura, vernici antiscivolo, ecc.). E' solo il caso di precisare che, oltre ai passanti, la stessa scala è utilizzata, durante la corsa, dai gruppi sportivi, frequentatori dell'adiacente Circolo Canottieri “Promonopoli”.

Sottopasso pedonale via Roma/largo Simone Veneziani

La plafoniera, che illumina la rampa sul lato di via Roma, ed entrambi i montascale risultano non funzionanti (questi ultimi da anni), diverse parti della copertura in policarbonato sono rotte, il livello di sporcizia dell'intero percorso, sovente è inaccettabile. La pessima illuminazione del sottopasso mina pericolosamente il livello di sicurezza dello stesso, mentre il non funzionamento dei montascale lede gravemente il diritto di libera circolazione e contravviene alle normative sull'abbattimento delle barriere architettoniche nei luoghi pubblici.

Infestazione zanzare al Cimitero

Numerose segnalazioni di una presenza massiccia di insetti (sp. zanzare) in ogni zona del Cimitero monumentale cittadino, in particolare all'interno degli edifici e dei gentilizi. Presenza che rende insostenibile la frequentazione del Cimitero e ne compromette le condizioni igienico-sanitarie.

Divieto di transito nello stradone centrale di piazza Vittorio Emanuele II

Da due anni segnaliamo che i divieti di transito sullo stradone centrale viene spesso violato da automobilisti sia monopolitani, sia forestieri e sia turisti, perché la segnaletica è scarna e poco visibile. Sembra che alcuni sistemi di navigazione satellitare indicano transitabile il tratto pedonale tra le due piazze. Si propone di inserire opportuni sistemi di blocco e dissuasori, visto che il tratto pedonale è fortemente utilizzato dai cittadini, soprattutto bambini ed anziani, che stazionano o lo attraversano.

Lascia il tuo commento
commenti