A seguito di un’interrogazione del M5S

Ponte di viale Aldo Moro: «Lavori (già deliberati) entro l'anno»

Il Sindaco Angelo Annese risponde alla consigliera M5S Giulia Sonia Cazzorla

Cronaca
Monopoli lunedì 03 settembre 2018
di La Redazione
Cavalcavia
Cavalcavia "I Ponti" in viale Aldo Moro © n.c.

«La consigliera comunale Giulia Sonia Cazzorla M5S ha presentato una interrogazione al presidente del Consiglio Comunale Luigi Colucci chiedendo al sindaco e all’assessore ai lavori pubblici lo stato del cavalcavia di viale Aldo Moro». Ad affermalo è il Sindaco Angelo Annese che ricorda che «già lo scorso 1° febbraio con la giunta precedente nella quale ricoprivo l'incarico di Assessore ai Lavori Pubblici, abbiamo approvato il progetto esecutivo redatto dall’ing. Vitantonio Mongelli, relativo ai lavori al risanamento strutturale del cavalcavia posto al Km. 688 + 158 della linea ferroviaria Bari-Lecce (tratta Polignano a Mare-Monopoli) per un importo complessivo di € 170.000».

Il ponte, ora localizzato in viale Aldo Moro, prima della realizzazione della variante, costituiva la sede della statale 16 che attraversava la Città e distribuiva il traffico degli automezzi in transito da nord a sud, oltre che in uscita ed in entrata dalla Città. Da diversi decenni assolve al compito di estramurale cittadina per evitare che tutto il traffico, indirizzato da un estremo all'altro della Città, sia costretto ad attraversare le strade cittadine. Ciò determina un carico di una notevole mole di mezzi in transito a tutte le ore della giornata.

Da sopralluoghi effettuati in loco è emerso il cattivo stato di conservazione di molti degli elementi costruttivi del manufatto di scavalco. Infatti, a causa della infiltrazione di copiose acque piovane dall'estradosso del manufatto, si è venuta a creare una situazione di diffuso degrado della soletta e di tutti i suoi elementi costruttivi. Per effetto dell'infiltrazione, tutti gli elementi della soletta risultano interessati da affioramento di efflorescenze; lo sono le travi portanti (5), i trasversi (3), la soletta interna e, soprattutto, gli sbalzi laterali della soletta che hanno sezione variabile dall'appoggio all'estremità libera.

Sono stati individuati gli interventi da realizzare alle varie parti per ovviare a ciò e migliorare le varie parti del manufatto di scavalco. In linea generale occorre rimuovere le cause del degrado del copriferro, risanare le barre di armatura arrugginite, rimuovere dall'intradosso della soletta e delle travi le parti ammalorate e con efflorescenze, risanare le superfici in conglomerato cementizio con copriferro distaccato, rimuovere la sovrastruttura stadale, reimpermeabilizzare l'estradosso della soletta, rifare il pacchetto stradale compresa la bitumatura e di marciapiedi, risistemare i muretti parapetto e spostare, all'interno della carreggiata e al di sotto dei marciapiedi della linea Enel che, attualmente, è posta a lato dei muretti con affaccio sulla strada ferrata sottostante.

Le lavorazioni dovranno essere eseguite durante le notte quando RFI disattiverà l'alimentazione delle linee elettriche per un periodo massimo di tre ore per notte.

«Ancora prima dei fatti di Genova, avevamo pensato al consolidamento del ponte. Ringrazio il M5S per la sollecitazione all'avvio dei lavori e, dopo aver sentito l'assessore ai Lavori Pubblici Gianni Palmisano, posso confermare (come faremo in consiglio comunale) che i lavori partiranno entro l'anno», conclude il Sindaco.

Lascia il tuo commento
commenti