Siparietto su come si votano i provvedimenti

Consiglio comunale: un altro show

Approvati i 5 punti all’ordine del giorno. Approvata all’unanimità una mozione urgente sulla xylella presentata da Leggiero, Campanelli e Rotondo

Politica
Monopoli giovedì 20 settembre 2018
di Ruben Rotundo
Consiglio Comunale
Consiglio Comunale © Ruben Rotundo

Nonostante gli sforzi dell’amministrazione, qualche consigliere di maggioranza e di opposizione non svolge propriamente il ruolo per cui è stato eletto.

Occupare un posto in consiglio è una grande responsabilità, questo è bene ricordarlo in ogni momento alla classe politica in genere.

Per cui, perdere tempo su cavilli burocratici e politici su casi più o meno esistenti, rallentare la macchina amministrativa pur di mettere zizzania per assicurarsi un posto di rilievo oppure la poltrona di Primo Cittadino nella prossima amministrazione, inventarsi un siparietto inutile ed offensivo nei confronti degli elettori in merito alle votazioni, pretendere di conoscere presunte verità assolute nascoste agli occhi della gente, avere posizioni da “maestro” e complottistiche; insomma, tutto ciò è davvero oltraggioso nei confronti di tutti i cittadini.

Il consiglio comunale non è un teatro dove ognuno deve necessariamente mettere in scena una parte, è un luogo dove si amministra la città, si fanno scelte e si prendono posizioni per il bene comune.

Per esempio, screditare l’attuale amministrazione su un mancato pagamento di occupazione del demanio di una condotta del depuratore comunale che risale al 2001 quando, lo ha riferito pubblicamente la segretaria comunale, il pagamento è in atto, probabilmente è una forzatura piuttosto inconsistente. Così come fare ostruzionismo ritornando in maniera palesemente fuori luogo su questioni già ampiamente dibattute ed approvate, è evidentemente uno spreco di energie. Penoso, invece, il siparietto su come si votano i provvedimenti in aula, degno della prima elementare. È ridicolo pensare che i consiglieri di entrambi gli schieramenti, sia le reclute e sia i veterani, non sappiano che se escono dall’aula prima o durante le procedure di voto e rientrano a votazione terminata non possono votare. Sulla questione delle incompatibilità ed incandidabilità dei consiglieri comunali eletti, chi sa, deve parlare e non attendere i tempi burocratici degli uffici, perché è un dovere civico.

Questi atteggiamenti allontanano i cittadini dalla politica e dai politici. È un dato di fatto ed è ampiamente documentato.

Insomma, il consiglio non è uno show. Non è necessario che duri ore ed ore per approvare questioni già dibattute ed accordate in altre sedi. È anche vero che i ritardi nel nominare le commissioni stanno creando ulteriori malumori in consiglio comunale che rallentano ulteriormente l’attività amministrativa. Infatti, è nelle commissioni che si discutono i provvedimenti che vengono ratificati in consiglio.

L’assetto Leggiero, Campanelli e Rotondo, i tre grandi esclusi dal gioco delle cariche, almeno per il momento, ha prodotto la mozione urgente sulla xylella. Votata all’unanimità, chiede all’amministrazione di essere parte attiva sulla vicenda in quanto Monopoli è diventata zona cuscinetto.

Alla fine, i punti all’ordine del giorno, ovvero l’adozione del Piano Sociale, il riconoscimento dei due debiti fuori bilancio relativi all’ingresso nella ZTL ed il bilancio di previsione 2018-2020, sono stati tutti analizzati e votati. Com’era prevedibile.

Lascia il tuo commento
commenti